Un magistrale viaggio nelle emozioni

Gioia – Tristezza – Rabbia – Paura – Disgusto: un tuffo nelle emozioni primarie vissuto grazie alla Walt Disney.

Questo film è sensazionale. Ognuno di noi è diventato co-protagonista, facendo emergere la sua emozione “prevalente”. Mi ha colpito moltissimo sentire pareri totalmente differenti sul film, da a chi ha capito quanto la frizzante gioia gli illuminava un tempo la vita, a chi si è sentito travolgere da una tristezza infinita, a chi travolto dal disgusto si é accorto di essere troppo critico verso tutto e tutti, a chi impaurito per osare si vede perdere l’opportunità della sua vita e, infine, a chi mosso dalla Rabbia vive in preda ad un fuoco che lo distrugge dentro e fuori.

Wowwwww……. cosa ha scatenato questo film in ognuno di noi?
Questo film per me è un capolavoro magistrale capace di aprire gli occhi a molti di noi e a far conoscere un mondo nuovo: il Mondo delle emozioni.
Si! Le emozioni hanno preso vita, un volto, un colore, una voce, un modo di fare, degli abiti …….. e noi lì, un po’ spettatori e un  po’ attori.
Inside Out ci ha coinvolto tutti in modo molto sottile e ci ha portato a riflettere sulla nascita, lo sviluppo, la “perdita”  o anche la messa in stand-by delle nostre emozioni. Abbiamo rivisto i nostri modi di fare, cosa e come ci piacerebbe “essere” e cosa e come “non vogliamo più essere”.

Dei personaggi animati tutti colorati sono entrati dentro di me ed hanno dato un volto a ciò che provo:
dalla Gioia leggiadra, tutta gialla con i capelli azzurri e l’abitino verde, che svolazza di qua e di là e mi fa sentire viva, libera, in moto, attiva e produttiva, ottimista e pronta a tutto; alla Tristezza tutta azzurra e cupa, monotona e monotono che poco alla volta mi faceva venire “il latte alle ginocchia”; alla Rabbia rosso fuoco e tutta energia da controllare e frenare; al Disgusto tutta vanitosa, raffinata, una sciuretta “so tutto io” pronta a dare giudizi, vanitosa e furbina da tenere a bada; alla Paura, timorosa ed introversa, tutta rinchiusa in se stessa, paurosa di ciò che non avverrà mai, limitata in tutto ma capace di salvarci la vita se siamo veramente in pericolo.

Tutte emozioni necessarie ed utili, la nostra abilità sta nel saperle comprendere e dosare ….. e come il direttore di orchestra abilmente dirige i suoi orchestrali in una melodia sinfonica noi dirigiamo sapientemente le nostre emozioni dando a ciascuna il giusto spazio in modo da raggiungere un equilibrio armonioso e funzionale al nostro benessere.

Personalmente amo Gioia!

Comments are Closed